protesi:vantaggio o svantaggio?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

protesi:vantaggio o svantaggio?

Messaggio  allocco.mariacarmina il Lun Nov 24, 2008 6:43 pm

"Le protesi aiutano troppo Pistorius
L'esperto della Iaaf dopo i test dichiara: «Dispone di un vantaggio considerevole rispetto ai normodotati»
questo è stato scritto sul corriere della sera qualche tempo fa. allora io mi chiedo se sia realmente giusto, nei confronti degli altri atleti, far partecipare Pistorius alle olimpiadi dopo che è stato riscontrato questo vantaggio dovuto alle protesi? o per evitare di discriminare bisogna penalizzare gli altri atleti?
comunque penso che sia una persona dotata di grande capacità in quanto nonostante la sua diversità è arrivato a livelli molto alti, quindi spero che questa sua partecipazione alle olimpiadi sarà "corretta" nei confronti degli altri

allocco.mariacarmina

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 22.11.08
Età : 31
Località : San Cipriano d'Aversa

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Winter:il primo delfino con la protesi

Messaggio  concetta cesarano il Mar Dic 02, 2008 8:52 pm

E' davvero una bellissima storia che troverete anche in un video su youtube che purtroppo non ho saputo allegare; una bellissima storia che testimonia di come il rapporto tra gli uomini e gli animali possa essere anche sorprendentemente buona, e di totale amicizia!
Il delfino Winter è un magnifico esemplare che fu trovato alcuni mesi fa in fin di vita, con la coda massacrata - probabilmente dall'elica di un motoscafo - vicino alla Costa della Florida, negli Stati Uniti.
Grazie a un intervento chirurgico perfettamente riuscito, il delfino è stato dotato di una protesi che sostituisce egregiamente la pinna caudale, ed è tornato a nuotare felicemente nell'acquario di Clearwater, in Florida, per la gioia dei suoi molti amici - animali e ... umani.

concetta cesarano

Messaggi : 37
Data d'iscrizione : 24.11.08
Età : 38

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

video di Concetta

Messaggio  mariarosaria tarallo il Mar Dic 02, 2008 9:25 pm

Ciao Concetta, ho cercato il video che volevi proporre, e lo metto, se me lo consenti, qui direttamente, così tutti possono avvantaggiarsi direttamente qui e in pieno della tua bellissima segnalazione, spero di fare cosa utile, non sono in grado di trascrivere una traduzione all'istante dall'Inglese, anche se le immagini sono eloquenti. Era questo il video?
Buona visione, CiAo
avatar
mariarosaria tarallo

Messaggi : 318
Data d'iscrizione : 16.11.08
Località : NApoli provincia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

video

Messaggio  mariantonietta.palmentier il Mar Dic 02, 2008 9:32 pm

grazie rosy ero tanto curiosa di vedere questo viedo!
sempre preparatissima...
grazie concetta!
Baci Mariantonietta

mariantonietta.palmentier

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 26.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Resilienza tra animali, Empatia delfino/Uomo ed altro ; )

Messaggio  mariarosaria tarallo il Mar Dic 02, 2008 9:44 pm

grazie a Concetta, non a me, Mary, è lei che lo ha segnalato. A lei, a te e a chiunque potesse chiarirlo, chiedo se è vero che i delfini sono particolarmente empatici con gli esseri umani. Mio padre sosteneva che forse gli esseri umani vengono dal mare e per questo c'è particolare "intesa" tra noi e i delfini, a prescindere dalla fondatezza o meno di tale ipotesi, sono sempre stata convinta che i delfini siano tra gli animali davvero più empatici nei nostri confronti. Sbaglio secondo voi? Non lo so, comunque anche Winter è un certo esempio di resilienza, pensate possibile parlare di resilienza anche a proposito degli animali? O sto dicendo una cosa azzardata? spunti di riflessione personali, qualora qualcuno volesse dire la sua ne sarei immensamente felice. Kiss, ciao ciao
avatar
mariarosaria tarallo

Messaggi : 318
Data d'iscrizione : 16.11.08
Località : NApoli provincia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

grazie a te Mariarosaria

Messaggio  concetta cesarano il Mar Dic 02, 2008 11:30 pm

Mariarosaria è proprio questo il video!!!grazie mille per averlo inserito,perchè a me era dispiaciuto tanto non averlo fatto, purtroppo il pc non so ancora utilizzarlo bene e con il video l'importanza del messaggio è ancora più forte!
grazie ancora cheers

concetta cesarano

Messaggi : 37
Data d'iscrizione : 24.11.08
Età : 38

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

OLTRE le protesi provvisorie

Messaggio  mariarosaria tarallo il Mer Dic 17, 2008 3:50 pm

vorrei proporre questo articolo, per ciò a cui mi ha fatto pensare immediatamente questa notizia.
Anche la creazione e l'applicazione delle protesi non sono la parola definitiva sui deficit.
Si cerca anche di andare oltre, sicuramente la ricerca non si ferma, e non deve fermarsi, nessuno ha diritto di fermare la ricerca.

Vi linko direttamente l'articolo, perchè sul sito c'è espresso copyright e non ho tempo di chiedere permesso di pubblicazione all'editore.
http://www.giornal.it/pagine/articolo/articolo.asp?id=21839

Anche se si parla di fratture, io penso che possa essere appena un primo passo verso sviluppi futuri, al momento inimmaginabili in quanto alle possibile applicazioni. La ricerca, nun ce sta nient a fa..., è sempre la ricerca!

_________________
"Non condivido la tua idea, ma darei la vita perchè tu potessi esprimerla"

I miei Amici sono i benvenuti sul mio BLOG: http://sinestesie.ilbello.com

"L’immaginazione e la poesia infantili non sono né credulità, né puerilità, ma intelligenza in un’altra dimensione." (François Dolto)
GrAzIe François!!!!
"...e ricorda a questo cuore mio che Caino sono pure io!" (M.Marrocchi)
avatar
mariarosaria tarallo

Messaggi : 318
Data d'iscrizione : 16.11.08
Località : NApoli provincia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La "mano bionica" è già sul mercato: ecco i pregi e i difetti

Messaggio  Alessia.Zoccoli il Mer Dic 17, 2008 6:34 pm

Mentre il Centro protesi Inail di Vigorso di Budrio sta sperimentando la novità su due dei suoi pazienti in accordo con la casa produttrice, un centro ortopedico ha ottenuto dall'azienda il diritto di commercializzarla nel nostro paese. Prezzo di listino, stimato fra i 15 e i 20 mila euro, a totale carico del paziente. Il direttore tecnico del Centro Inail spiega i pro e i contro del nuovo ausilio
un ricercatore al centro protesi

La "mano bionica" è già realtà. Mentre il Centro protesi Inail di Vigorso di Budrio (Bologna) sta testando la novità su due dei suoi pazienti in accordo con la casa produttrice, il Centro ortopedico Essedi di Castellanza (Varese) ne è il rivenditore accreditato: l'azienda scozzese Touch Bionics, infatti, lo ha autorizzato alla commercializzazione della mano i-Limb in Italia. Molto innovativa dal punto di vista della funzionalità, perché consente la flessione di tutte e cinque le singole dita, "la nuova mano risulta però ‘debole' dal punto di vista della resistenza, della potenza e della robustezza, soprattutto quando viene dotata del guanto di copertura estetico", commenta Rinaldo Sacchetti, direttore tecnico del Centro protesi Inail di Vigorso. Ed essendo una protesi a controllo mioelettrico, "più complessa delle altre, serve qualcuno che ne insegni l'uso". Se si tratta quindi di un'innovazione nel campo della protesica, "dal lato dell'applicazione pratica necessita ancora di alcuni miglioramenti", precisa l'ingegner Sacchetti.

La "mano bionica" comunque è già sul mercato, e i tecnici del Centro ortopedico Essedi di Castellanza sono "accreditati per il montaggio, l'assistenza e la manutenzione della protesi ai pazienti", si legge nella brochure informativa. Tra "i pro e i contro" di questa novità bisogna però tenere presente anche il costo. La mano i-Limb della Touch Bionics ha un prezzo di listino di circa 15-20 mila euro, tutti a carico del singolo cittadino perché il Sistema sanitario nazionale non la rimborsa in quanto non rientra nel Nomenclatore tariffario degli ausili. Ma "se i risultati della sperimentazione del Centro protesi di Vigorso di Budrio daranno un esito positivo, la ‘mano bionica' potrà rientrare tra gli ausili che l'Inail eroga ai propri assistiti", continua Sacchetti. In conclusione nulla vieta alle Asl di prescriverla a chi può sostenerne la spesa: la "mano poliarticolata" è già in vendita in Italia, anche se la struttura che ha ricevuto l'incarico di testarla non ha ancora finito la sperimentazione, perché comunque ha una funzionalità migliore delle "vecchie" protesi mioelettriche con "presa a pinza".

_________________
Alessia Zoccoli
avatar
Alessia.Zoccoli

Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 17.11.08
Età : 30
Località : Ciampino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Handimatica. La tecnologia corre, il Nomenclatore è fermo

Messaggio  Alessia.Zoccoli il Mer Dic 17, 2008 6:36 pm

Il costo delle nuove tecnologie per le disabilità? Ancora tutto a carico delle famiglie. Se l'informatica, la telematica e la robotica per le persone disabili fanno passi da giganti, la bozza del nuovo Nomenclatore tariffario degli ausili è ancora ferma al palo. La tecnologia va decisamente più veloce della politica
handimatica

BOLOGNA - Il costo delle nuove tecnologie per le disabilità? Ancora tutto a carico delle famiglie. Se l'informatica, la telematica e la robotica per le persone disabili fanno passi da giganti, la bozza del nuovo Nomenclatore tariffario degli ausili, quella che finalmente ha incluso gli strumenti tecnologici per la comunicazione, la domotica e il lavoro come prescrivibili dal Sistema sanitario nazionale, è ferma dalla primavera di quest'anno. Così che, dal 1999, nulla è cambiato. Nonostante "Imecap" (Impatto economico dell'assistenza protesica), la ricerca che la Fondazione Don Gnocchi sta conducendo su incarico del ministero della Salute per determinare i costi e la tariffazione delle prestazioni protesiche, e nonostante il "repertorio" degli ausili tecnologici prescrivibili che il Gruppo di lavoro che riunisce i centri ausili elettronici ed informatici italiani (Glic) sta preparando sempre per conto del ministero, tutto resta immobile come prima.

"Il Nomenclatore tariffario è bloccato dalle decisioni del Governo in merito alla revisione dei nuovi Lea (Livelli essenziali di assistenza), revisione che però non è ancora avvenuta", ha detto oggi Claudio Bitelli del Glic. E "Il nuovo Nomenclatore tariffario degli ausili: una chimera o una realtà" è anche il titolo di uno dei tanti seminari di "Handimatica 2008", la mostra convegno sulle tecnologie informatiche e telematiche al servizio delle persone disabili in programma a Bologna fino a sabato 29 novembre. A parlare al convegno era stato invitato anche il sottosegretario alla Salute Francesca Martini "ma, oltre a non essersi presentato, non ha nemmeno mandato un aggiornamento sullo stato dei lavori", ha commentato Bitelli.

In attesa che la situazione dei Lea si sblocchi, e di conseguenza anche quella sul Nomenclatore tariffario, il "repertorio" degli ausili tecnologici va avanti. "Si tratta di un elenco dei prodotti commerciali che potrebbero essere prescritti dalle Ausl e da chi è accreditato a farlo in base alle categorie degli strumenti informatici e telematici contenute nel nuovo Nomenclatore tariffario qualora diventasse operativo", ha spiegato Alfredo Rossi del Glic. Il blocco del Nomenclatore "tiene fermo non solo il mercato delle nuove tecnologie, le aziende e Assoausili (l'Associazione tra le imprese produttrici o distributrici), ma anche i diritti delle persone disabili", ha aggiunto Bitelli. Perché "gli ausili non sono solo un aiuto, ma sono anche uno strumento terapeutico per minimizzare le limitazioni che le persone disabili incontrano nella vita di tutti i giorni", ha concluso Gaspare Crimi della Società italiana di medicina fisica e riabilitazione

_________________
Alessia Zoccoli
avatar
Alessia.Zoccoli

Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 17.11.08
Età : 30
Località : Ciampino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Protesi:vantaggio...

Messaggio  aldo il Ven Gen 02, 2009 9:58 pm

Secondo il mio punto di vista, le protesi costituiscono un enorme progresso della scienza e della tecnica e vanno considerato un validissimo aiuto per la persona disabile.Ad esempio l'applicazione delle orecchie bioniche ai soggetti sordi permette loro di riacquistare l'udito, così come l'applicazione delle protesi a Pistorius gli ha consentito di gareggiare nella corsa.Gli esempi potrebbero continuare all'infinito,ma bastano questi due per dimostrare i vantaggi delle protesi.Aldo.

aldo

Messaggi : 40
Data d'iscrizione : 16.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: protesi:vantaggio o svantaggio?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum