i disabili e il mondo virtuale

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  colomba.persico il Gio Gen 08, 2009 11:30 pm

mariarosaria tarallo ha scritto:ciao, sono d'accordo, purchè non diventino l'unica alternativa.
C'è di positivo, ad esempio, che, favorendo l'espressività delle persone, le nuove tecnologie aiutano a familiarizzare con ciò che solitamente è ritenuto diverso: l'espressione di sentimenti ed emozioni, ad esempio, aiuta a scoprire o a riscoprire aspetti di un individuo che restano nascosti o che erano latenti.
Bello sempre leggervi, ciao ; )

Rosy hai perfettamente ragione, ma faccio il mio esempio, vi è stato un periodo in cui ero sempre a casa x motivi personali, stare in una community o su msn mi è stato di enorme aiuto per non restare da sola a casa senza relazione cn " l'esterno ". Io non sono ne per la demonizzazione dell' on line ne per l'opposto ma solo per una accurata mediazione tra i due... non credi???... Wink
avatar
colomba.persico

Messaggi : 89
Data d'iscrizione : 15.11.08
Età : 31

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  stef scaccianemici il Ven Gen 09, 2009 1:18 pm

credo fermamente nelle tecnologie e nelloro utilizzo; grazie soprattutto a internet oggi in un certo senso sono state distrutte le barriere architettoniche e non solo! finalmente anche i disabili (e non solo) possono sentirsi liberi di "navigare", di viaggiare..... possono sentirsi in grado in qualcosa per loro impossibile anche in maniera virtuale.... sicuramente ci saranno anche dei lati negativi ma quelli positivi li superano di gran lunga; è il prezzo che bisogna pagare!

stef scaccianemici

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 25.11.08
Età : 40
Località : Telese Terme (BN)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

disabilità e mondo virtuale....

Messaggio  manuela calenzo il Ven Gen 09, 2009 3:42 pm

Oggi si parla sempre più di «tecnologie assistive»: gli strumenti e le soluzioni tecniche, hardware e software, che permettono alla persona disabile, superando o riducendo le condizioni di svantaggio, di accedere alle informazioni e ai servizi erogati dai sistemi informatici.
Internet e la tecnologia consente alle persone con disabilità motorie, visive, uditire o cognitive di allacciare scambi comunicativi con l'esterno, accorciando tempi e distanze, scambiando e condividendo opinioni con persone che si trovano in luoghi o città diverse..... Oggi Grazie alle tecnologie abbiamo a disposizioni una quantità notevole di ausili e mezzi diversi a seconda delle diverse esigenze....I disabili hanno bisogno di vivere in un ambiente accogliente, uno spazio riparativo all'interno del quale possano innalzare la loro qualità di vita e migliorare la propria esistenza...Per questo motivo, come sostiene Murdaca nel suo testo, bisogna creare ambienti sostenibili per la disabilità offrendo a queste persone svantaggiate una rete di servizi ampia, che possa garantire loro la possibilità di crescere, stringere relazioni significative con l'esterno e soprattutto accrescere la fiducia in sè stessi e imparare a convivere con la propria specialità.

manuela calenzo

Messaggi : 49
Data d'iscrizione : 22.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  orefice.veronica il Sab Gen 10, 2009 5:55 pm

E' NECESSARIO PREDISPORRE STRATEGIE EFFICACI PER QUESTI SOGGETTI, BENSI' VERIFICHE IMPIRICHE ESSENZIALI
Importante è lo Sviluppo di un software che permetta a persone a persone disabili, aventi la capacità di un singolo movimento volontario e una paralisi del movimento oculare, di comunicare con un interlocutore. Il software implementa una tastiera a scansione che attraverso un unico dispositivo di input , esempio il click del mouse, permette la scrittura su monitor e su file di testo.
HO TROVATO IN PROPOSITO QUEST'ARTICOLO:
Articolo
Il Laboratorio Zonale Ausili di Prato assiste persone con disabilità gravissime quali tetraplegia associata a disturbi del linguaggio e della vista. Il mercato degli ausili (sistemi hardware/software utilizzati da una persona disabile per prevenire, compensare, alleviare una menomazione, disabilità o handicap) offre un discreto numero di software per la comunicazione, ma nessuno adatto ad un disabile gravissimo che associa alla perdita d’ogni capacità motoria ad un deficit sensoriale quale la paralisi del movimento oculare.
Con la collaborazione del Laboratorio Zonale Ausili di Prato si è realizzato un sistema che permette a queste persone di interfacciarsi con il mondo esterno attraverso la scrittura di righe di testo su uno monitor. L’apparato si basa su un software per PC corredato di due schermi, uno ad uso del disabile e l’altro per la comunicazione con un interlocutore e sul viene presentato il testo digitato (Fig. 1) ,
I disabili “loked in” sono capaci di eseguire un singolo movimento volontario, in genere movimento delle palpebre o piccoli movimenti delle dita, il sistema si basa sul sensori capaci di identificare tali ‘azioni’ e di inviarli al computer per l’interpretazione. In questo caso è stato scelto, come primo caso, l’utilizzazione di un particolare mouse (Fig. 2) che rileva la pressione di un dito ma il prodotto realizzato può essere facilmente adattato ad altri tipi di sensori.
Si è predisposto su uno dei monitor del PC una ‘tastiera virtuale’ composta da una matrice di celle ( 5 righe e 5 colonne) al cui interno vengono rappresentate una serie di lettere dell’alfabeto.
La persona con disabilità, utilizzando il dispositivo di comando, ha la possibilità di spostarsi all’interno della tastiera muovendosi prima per righe poi per colonne in modo da identificare univocamente una singola lettera e a selezionarla. Si richiede all’utilizzatore di effettuare due tipi di comandi mediante una tenuta breve ed una tenuta prolungata del sensore in modo da avere a disposizioni due opzioni. I tempi di tenuta breve o prolungata sono definiti in fase di adattamento del sistema alle reazioni dell’utilizzatore mentre l’azione corrispondente al comando ricevuto è definita all’interno del contesto in cui il messaggio è inviato.
Sono stati individuati vari contesti all’interno dei quali i comandi operano in modo differente, questi sono: selezione della riga, selezione della colonna e selezione della parola.
L’inserimento di comandi relativi a contesti ci ha permesso di superare il limite del singolo comando on-off, ad esempio l’evento click del mouse nel contesto riga ci permette di muoversi tra le righe, mentre nel contesto colonna lo stesso evento verrà utilizzato per la selezione della lettera, questo ci ha permesso , moltiplicando i contesti, di moltiplicare gli eventi che possono essere generati con lo stesso movimento.
Il front panel verso il disabile è costituito esclusivamente da una riga della tastiera sopracitata e la lettera selezionabile sarà sempre quella alla sinistra della riga in modo da permette all’utilizzatore di eseguire la selezione senza spostare lo sguardo.
La scrittura a scansione si è rilevato essere l’unico metodo che un soggetto con disabilità gravissima può utilizzare ma ha un limite nella lentezza dello operazioni dovuto alle difficoltà di spostamento del focus visivo. Per velocizzare la scrittura abbiamo così inserito all’interno del programma degli algoritmi di predizione sia del bigramma che della parola.
La predizione del bigramma si fonda nel consigliare la lettera che più frequentemente si associa ad un’alta precedentemente digitata così come la predizione della parola consiste nella ricerca di parole in un vocabolario compilato in modo automatico con i vocaboli scritti dall’utente.
Inoltre alle parole è associato un peso legato alla frequenza, alla data ed all’ora del loro ultimo utilizzo in modo da permettere al programma di proporre, dopo la scrittura di due lettere, le cinque parole più frequentemente usate che iniziano con le lettere digitate.
La selezione della parola attiva la SAPI (Speech API) di Windows che la leggerà dando modo all’utente di verificare la corretta selezione ed all’interlocutore di apprenderla direttamente senza doverla a sua volta leggerla sul monitor.
Il sistema è predisposto per altre operazioni di supporto quale:
- salvare il testo, corredato di data e ora, in modo da salvare la documentazione di quanto scritto
- attivare un segnale acustico contemporaneamente al sensore in modo da rendere noto l’avvento del comando mouse down e mouse up permettendo al disabile di identificare l’avvenuto azionamento del sensore .
Per una corretta fruizione del sistema questo sarà assemblato un hardware adeguato al montaggio su poltrona su ruote oppure, all’occorrenza, vicino al letto. Particolare cura sarà portata alla installazione dei due monitor LCD dei quali quello ad uso esclusivo dell’utente sarà posizionato, mediante braccio snodabile, all’altezza degli occhi e ad opportuna distanza per visione ottimale mentre il secondo sarà posizionato per una sua corretta visione da parte dell’interlocutore.
Il sistema è stato interamente realizzato con LabVIEW utilizzando intensamente la gestione ad eventi che tale ambiente di sviluppo mette a disposizione. Il codice implementato risulta, nonostante la complessità del sistema, particolarmente compatto e di facile lettura/manutenzione.

orefice.veronica

Messaggi : 101
Data d'iscrizione : 21.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  mariarosaria tarallo il Sab Gen 10, 2009 9:18 pm

è bello trovare messaggi nel forum anche dopo l'esame, questo dimostra che l'interesse di tante persone non era finalizzato al'esame ma è consistito davvero in una condivisione, spero si possa continuare,compatibilmente con gli imminenti tirocini e tutto il resto a presto, Ross

_________________
"Non condivido la tua idea, ma darei la vita perchè tu potessi esprimerla"

I miei Amici sono i benvenuti sul mio BLOG: http://sinestesie.ilbello.com

"L’immaginazione e la poesia infantili non sono né credulità, né puerilità, ma intelligenza in un’altra dimensione." (François Dolto)
GrAzIe François!!!!
"...e ricorda a questo cuore mio che Caino sono pure io!" (M.Marrocchi)
avatar
mariarosaria tarallo

Messaggi : 318
Data d'iscrizione : 16.11.08
Località : NApoli provincia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  colomba.persico il Lun Gen 12, 2009 4:04 am

mariarosaria tarallo ha scritto:è bello trovare messaggi nel forum anche dopo l'esame, questo dimostra che l'interesse di tante persone non era finalizzato al'esame ma è consistito davvero in una condivisione, spero si possa continuare,compatibilmente con gli imminenti tirocini e tutto il resto a presto, Ross

Certo internet permettendo io ci sarò... sempre Wink
avatar
colomba.persico

Messaggi : 89
Data d'iscrizione : 15.11.08
Età : 31

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  Angela La Mura il Lun Gen 12, 2009 11:13 am

Sono daccordo con Rosy e Colomba per quanto riguarda il virtuale.
Credo che ogni cosa abbia un aspetto negativo ed uno positivo basta saper usare e vedere la faccia buona delle cose.
Il virtuale può essere molto pericoloso perchè può nascondere una miriade di insidie ma può essere anche molto utile,se ben usato, alle persone sole che sono costrette a stare in casa, e molte volte internet diventa un'ancora di salvezza per non sentirsi fuori dal mondo.

Angela La Mura

Messaggi : 93
Data d'iscrizione : 17.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  Antonella Rivellino il Mer Gen 14, 2009 12:06 am

colomba.persico ha scritto:
mariarosaria tarallo ha scritto:è bello trovare messaggi nel forum anche dopo l'esame, questo dimostra che l'interesse di tante persone non era finalizzato al'esame ma è consistito davvero in una condivisione, spero si possa continuare,compatibilmente con gli imminenti tirocini e tutto il resto a presto, Ross

Certo internet permettendo io ci sarò... sempre Wink

ti quoto in pieno!
avatar
Antonella Rivellino

Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 15.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  colomba.persico il Ven Gen 16, 2009 12:56 am

Angela La Mura ha scritto:Sono daccordo con Rosy e Colomba per quanto riguarda il virtuale.
Credo che ogni cosa abbia un aspetto negativo ed uno positivo basta saper usare e vedere la faccia buona delle cose.
Il virtuale può essere molto pericoloso perchè può nascondere una miriade di insidie ma può essere anche molto utile,se ben usato, alle persone sole che sono costrette a stare in casa, e molte volte internet diventa un'ancora di salvezza per non sentirsi fuori dal mondo.

Ecco perchè io durante la prima lezione, (come anche Rosy) dicevamo che è fondamentale un educazione al mezzo UNA NEW MEDIA EDUCATION X I DIVERSABILI (X IL LORO TEMPO LIBERO)... MMM ... ke ne pensate? ... Question affraid
avatar
colomba.persico

Messaggi : 89
Data d'iscrizione : 15.11.08
Età : 31

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  scalzone amelia il Mer Gen 13, 2010 6:23 pm

anche io considero la tecnologia importante per i disabili riescono ad interagire con il mondo che li circonda a creare nuove amicizie a vivire una vita diversa almeno nel virtuale

scalzone amelia

Messaggi : 5
Data d'iscrizione : 10.11.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: i disabili e il mondo virtuale

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum