Gli Ausili

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Gli Ausili

Messaggio  Rossella Accardo il Sab Nov 29, 2008 8:26 pm

I limiti dei nostri schemi concettuali
non determinano soltanto la natura delle nostre risposte,
ma anche la natura delle domande che noi poniamo
avatar
Rossella Accardo

Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 18.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gli Ausili

Messaggio  Rossella Accardo il Sab Nov 29, 2008 8:41 pm

Il rapporto tra persona disabile e ausilio propone degli aspetti problematici che vanno considerati con attenzione. Gli ausili si propongono innanzitutto al servizio di un processo possibile e alternativo,rispetto alle reali capacità di un soggetto che presenta una determinata disabilità.
L'iniziativa nel valutare l'opportunità dell'ausilio,per esempio di comunicazione alternativa e potenziata,l'accettazione e il suo uso quotidiano da parte dell'ambiente non si dovrebbero considerare scontate per almeno tre fattori:
l'ambiente può ritenere di comprendere già l'alunno "almeno per le cose essenziali"riuscendo a farlo esprimere con la mimica,la postura e alcuni suoni;ma non è adeguatamente diffusa un'idea di "comunicazione allargata",al servizio della crescita e della relazione;e la tecnologia in quanto tale non può apparire molto "amichevole,ovvero di facile utilizzo.
occorre sottolineare che nel campo della disabilità,le manifestazioni differenziate,spesso sovrapposte,danno luogo ad una gamma pressochè infinita di quadri funzionali:possiamo dere che non esistono di fatto soluzioni "standard" in termini di ausilio,che non è possibile individuare classi di ausili che costituiscono risposte a problemi o classi di problemi relativi ad altrettante patologie:la soluzione di ausilio va spesso personalizzata. La personalizzazione non consiste necessariamente in una modifica fisica dell'ausilio,ma può essere costituita da un particolare modo d'uso,di posizionamento,nel caso del software dalla scelta di determinate modalità di interazione.
In riabilitazione,utilizzare l'ausilio vuol dire anche interrogarsi sull'analisi del bisogno,sulla definizione del progetto ma soprattutto concentrarsi su quelle che sono le funzioni da riabilitare piuttosto che sulle caratteristiche della patologia in sè che,da sola,da luogo a prfili non omogenei. E' necessario dunque concentrarsi sulle competenze e sui punti di forza dai quali far partire l'intero progetto riabilitativo. Naturalmente,è indispensabile,ma non altrettanto semplice,riuscire ad individuare il funzionamento cognitivo dell'utilizzatore tentando di comprendere il modo in cui il soggetto apprende e registra le informazioni.
avatar
Rossella Accardo

Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 18.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ausili:strumenti di autonomia

Messaggio  Rossella Accardo il Sab Nov 29, 2008 8:53 pm

Un simile intervento tecnologico,contribuisce a migliorare l'autonomia e la qualità di vita della persona disabile.
Autonomia non è sinonimo di indipendenza:è un atteggiamento nei confronti della vita,in un certo senso un tratto personale che ogni persona può acquisire e sviluppare. Autonomia non significa di per sè "fare le cose senza aiuto",ne è una caratteristica riservata a chi ha piene abilità cognitive. Una persona che dipenda da altri in qualche misura,a causa di limitazioni cocnitive,o debolezza fisica,o malattia,o perchè semplicemente è bambino oppure in tarda età,può sempre aspirare ad un livello di autonomia che sia compatibile con le proprie aspettative o con quelle del proprio ambiente. Il concetto può essere esteso dalla persona all'intera rete di relazioni umane che la circonda:una visione sistemica dell'autonomia è spesso quella più adeguata a quando l'ausilio abbia un impatto sull'insieme di tali relazioni. Qualità di vita,invece,è un concetto multi-dimensionale che descrive la soddisfazione complessiva rispetto alla propria vita,e che può essere a sua volta declinato in varie componenti quali lo stato di salute e le capacità funzionali,la situazione psicologica e lo stato di benessere,le interazioni sociali,ecc...
E' chiaro che un ausilio può essere fonte diretta o indiretta di cambiamenti positivi in ciascuno dei suddetti aspetti;e che,viceversa,ciascuno di essi può influire sull'accettazione dell'ausilio;in questa dinamica entrano infine in gioco variabili personali,sistemiche e ambientali.
avatar
Rossella Accardo

Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 18.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ausili:tecnologie assistive

Messaggio  Rossella Accardo il Sab Nov 29, 2008 9:01 pm

Le tecnologie assistive,o ausili,sono fondamentalmente strumenti per l'autonomia,il che significa strumenti per la relazione.
L'insorgenza di una disabilità comporta di fatto un cambiamento di vita che richiede,per recuperare l'autonomia,una ristrutturazione personale,ossia la costruzione di una nuova relazione con sè,con gli altri e con l'ambiente.
Un ausilio che sia proposto in modo adeguato,scelto con saggeza e utilizzato nelle sue piene potenzialità,facilita il recupero di un nuovo equilibrio relazionale,tanto è vero che spesso l'utente tenderà a vederlo sempre più non come un oggetto estraneo ma come una parte di sè,quasi un'estensione del proprio corpo che,dando espressione alle capacità latenti ma inibite dalle limitazioni funzionali,gli consente di esprimersi più compiutamente come persona.
Gli ausili,per essere davvero tali,devono però essere scelti in modo appropriato,in modo da risultare competenti e consonanti.
non è dunque sufficiente basarsi su mere analisi funzionali quali unico criterio di scelta,come se l'utente fosse isolato dal mondo. La personalità di quest'ultimo e il contesto d'uso giocano infatti un ruolo fondamentalie poichè sono questi a definire il mondo delle relazioni della persona.
L'adozione di un certo ausilio potrebbe richiedere una tale rivoluzione nel proprio stile di vita che contrasta con il proprio mondo di valori.
avatar
Rossella Accardo

Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 18.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Accettazione dell'ausilio

Messaggio  Rossella Accardo il Lun Dic 01, 2008 7:59 pm

Per contribuire all'autonomia l'ausilio deve essere accettato! ciò dipende in grande misura dall'immagine che il soggetto stesso possiede degli ausili. Un ausilio per essere accettato non deve sollevare aspettative irrealistiche (il mito dell'ausilio come panacea per ogni problema legato alla disabilità),o al contrario di veicolare messaggi grevi e demotivanti (il pregiudizio dell'ausilio quale oggetto estraneo ed invadente,che evidenzia ancor più la disabilità agli occhi degli altri e sottrae all'utente il tocco umano dell'assistenza.
fortunatamente l'immagine sociale degli ausili si è profondamente modificata negli ultimi tempi.da un lato,grazie all'evoluzione culturale nel campo della riabilitazione che ha dato significati nuovi a concetti quali integrazione sociale e autodeterminazione;dall'altro un impressionante sviluppo tecnologico ha immesso sul mercato una grande varietà di dispositivi,impensabili solo pochi anni fa,che consentono alle persone con disabilità di scegliere il proprio stile di vita e non rinunciare a perseguire i propri obiettivi.
Poichè gli ausili servono a risolvere determinati problemi della vita quotidiana,la loro conoscenza è un fattore di empowerment quando aiuta a sviluppare la capacità di risolvere problemi e prendere diecisioni. Da sottolineare che il termine empowerment non significa fare tutto da soli,ma piuttosto essere attori e protagonisti del processo. significa anche saper accendere una relazione fruttuosa,quando necessaria,con gli operatori professionali,decidere se e come seguire i loro consigli,trovare il compromesso più sensato quando una soluzione ideale si scontra con le barriere economiche.
avatar
Rossella Accardo

Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 18.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Predisposizione all'ausilio

Messaggio  Rossella Accardo il Mer Dic 03, 2008 1:43 pm

Non è il livello di istruzione in sè a determinare se un utente potrà divenire un efficiente utilizzatore dei propri ausili;è però ovvio che la profondità delle nozioni e il linguaggio utilizzato nella trasmissione della conoscenza devono essere adeguati al livello culturale dei discenti. la consapevolezza della propria diagnosi e delle conseguenze pratiche della propria condizione di salute possono incidee profondamente sulla propria predisposizione a perseguire l'autonomia e quindi ad accettare gli ausili.
Ci sono casi in cui tale consapevolezza è carente,ad esempio a causa di limitazioni cognitive,o della scarsità delle informazioni ricevute dai medici,o di barriere psicologiche verso l'accettazione del dato di fatto,o talvolta di malattie rare non sufficientemente documentate. Indipendentemente dal livello culturale o di istruzione,ci sono persone che si sentono a disagio con la tecnologia e altre che si sentono a proprio agio o che provano entusiasmo verso di essa. Un esempio può essere il computer.
avatar
Rossella Accardo

Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 18.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

GLI AUSILI:quando la tecnologia aiuta

Messaggio  rosaianniello il Ven Gen 09, 2009 1:48 am

L'ausilio e' tutto cio' che serve a una quasiasi persona,disabile o non, per essere piu' autonoma o per svolgere in maniera piu' agevole le attivita' richieste dalla vita quotidiana.E' uno strumento che serve in particolare alla persona disabile(e a chi la aiuta) per fare cio' che altrimenti non potrebbe, o per farlo in modo piu' sicuro,piu' veloce,piu' semplice o infine per prevenire lìinstaurarsi o l'aggravarsi di una disabilita'.Spesso pero' l'ausilio viene considerato una panacea in grado di determinare quasi la "guarigione" di una persona.Il successo dell'impiego di un ausilio che sia sofisticato o povero non dipende dalle aspettative per le quali viene usato ma da altri fattori:
la competenza del terapeuta/educatore che propone l'ausilio;
l'accettazione da parte della persona interessata all'utilizzo e della propria sfera sociale;
la possibilita' di ridiscutere all'interno di una equipe competente il suo reale utilizzo per porre dei cambiamenti efficaci nel piano di lavoro.
Il percorso di vita di una persona disabile non sara' piu' di rinuncia alla partecipazione ma potra' contribuire alla realizzazione di un progetto multimediale fruibile da ogni persona a prescindere dalla condizione psicofisica che vive.

rosaianniello

Messaggi : 22
Data d'iscrizione : 21.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Ausili

Messaggio  Miriam Smarrazzo il Ven Gen 09, 2009 2:12 am

Le tecnologie possono contribuire più di quanto non facciano ora a dare pari opportunità nella società dell'informazione.
L' obiettivo per la persona disabile è quello di giungere all'autonomia, intesa come capacità di poter programmare e gestire la propria vita. Se la persona viene meno al suo ruolo di protagonista nella definizione dei propri progetti e nelle iniziative mirate a realizzarli, difficilmente riuscirà a perseguirli, anche in presenza delle più favorevoli condizioni sociali.
Alla luce di ciò si può dire che gli ausili e gli altri tipi di supporto devono essere pensati e considerati come strumenti per l'autonomia e cioè come strumenti per la relazione. Se lo strumento tecnologico è proposto e vissuto in questo modo, diviene veramente un supporto all'autonomia che può consentire ai disabili di partecipare pienamente alla vita sociale, rimuovendo gli ostacoli che vi si oppongono. Si tratta quindi di dotare il disabile di un'autonomia che gli permetta di prendere parte allo sviluppo della propria comunità, in termini di lavoro e di partecipazione sociale.

Miriam Smarrazzo

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 20.11.08
Località : Giugliano In Campania

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

GLI AUILI

Messaggio  elena bencivenga il Ven Gen 09, 2009 4:46 pm

gli ausili sono importantissimi per una persona disabile, grazie ad essi si garantìsce loro una maggiore autonomia . il problema è solo quello di saperli accettare come tali e non come delle panacee miracolose .

elena bencivenga

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 25.11.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gli Ausili

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum